Skip to Content?

Noesis – Mantova

Mente • Corpo • Spirito

Serata presentazione danze dinamico espressive

7 Ottobre, 2014

Serata danza dinamico espressiva

tra le nuove proposte di quest’anno al centro Noesis abbiamo introdotto, grazie alla collaborazione con Dora Ansuini, la danza dinamico espressiva, era quell’attività che ci mancava, il nostro centro voleva dare spazio a un tipo di espressione corporea e creativa che potesse avere un risvolto al tempo stesso sia di benessere che di introspezione .

Ieri sera c’è stata la serata di presentazione, io e mia madre tendiamo sempre a provare o accompagnare i nostri clienti durante i percorsi sia per testare noi stesse e metterci in gioco sia per sostenere i nostri clienti e collaboratori .

Nella mia vita ho provato vari tipi di danza, come tutte le adolescenti ho voluto sperimentare vari tipi di sport e attività ricreative quindi dopo il nuoto, il pattinaggio, equitazione  e la pallavolo ho provato con la danza. In realtà non mi sono mai appassionata veramente la prendevo come un’ora di svago ma in realtà spesso non lo era perchè vuoi la rigidità dell’insegnante nel farmi imparare correttamente come mettere il piede, come piroettare e come eseguire la coreografia mi sono sempre sentita non all’altezza o fuori posto. Non mi sentivo libera di esprimermi, vincolata a regole rigide, a fine lezione ero sempre molto stanca ma mai pienamente soddisfatta. Perciò ho abbandonato forse perché in realtà non ero interessata alla tecnica in sé ma cercavo qualcosa di diverso..e quel qualcosa di diverso è arrivato, qualcosa per le non-ballerine come me. Infatti ieri sera ho dato una seconda chance alla danza e devo dire che mi sono profondamente ricreduta. Le parole di Dora sono in questo senso emblematiche “lasciatevi liberi di fluire…di esprimere voi stessi…non c’è giusto o sbagliato…c’è il qui e ora quello che deve venire, viene” frase spiazzante, pronunciata da una ballerina con anni di esperienza e professionalità alle spalle.

Riunite attorno a una candela, in cerchio, partiamo tutte insieme per eseguire il primo esercizio. Una semplice camminata nello spazio a ritmo di una musica ritmata e molto profonda, con i suoi bassi dava delle sferzate di allegria ma al tempo stesso entrava nel profondo, colpiva .

Incominciamo ad inserire qualche passo, ma tutto fatto nella più grande spontaneità e libertà. Rigorosamente a piedi nudi dovevamo a tratti saltellare e ogni tanto fare “tacco-punta” con il piede. Devo ammetterlo all’inizio ero molto rigida, mi sentivo alquanto impacciata  e guardavo le altre mie compagne per imitarle. Dora è un ottima guida in effeti , danzando fra di noi leggera e naturale e ci dava qualche imput. E dopo neanche dieci minuti mi sono ritrovare a volteggiare nella stanza come una bimba, avevo ritrovata quella giocosità, quella voglia di divertirsi e sorridere che hanno i bimbi ai primi anni di età. Non sentivo neppure più la pesantezza e le rigidità del mio corpo, che ha un passato di pigrizia e lentezza dato che passo la maggior parte del tempo seduta a studiare o lavorare. Siamo passati l’esercizio successivo, muovere e far sciogliere il bacino. Ecco altro momento di difficoltà e imbarazzo. Inizia la musica, chiudo gli occhi e via , mi sono detta ma si chissenefrega lasciamoci andare … mi sono divertita moltissimo. Infine ultimo esercizio, la danza con  i veli che dovevamo farli roteare nell’aria a ritmo di musica. Bene mi sono detta e adesso che faccio? In realtà la danza dinamico espressiva ha l’intenzione principale di alleviare il nostro stress giornaliero e di far riprendere i contatti con il nostro corpo. Allontanare il laborio della mente che ci blocca e irrigidisce ogni giorno. Focalizzarci sul qui e ora e vivere il nostro corpo ritrovando un naturale e contatto con esso e insieme riconquistare la nostra femminilità. E cosi è accaduto, appena mi fermavo, mi facevo queste domande emergevano in me i pensieri automaticamente mi bloccavo, mi guardavo in giro e giudicavo e mi sentivo un velo anche triste ma con il succedersi degli esercizi, con l’aiuto della musica e grazie alle spiegazioni della conduttrice mi sono davvero lasciata andare, ero stanca si ma felice. Sorriso sul viso e postura ben eretta. Scomparsa ogni traccia di tensione nelle spalle e caviglie e piedi ben elastici e riscaldati. Appresa tale consapevolezza l’ultimo esercizio è stato quello più divertente ed emozionante di tutti, c’era chi faceva roteare il velo in aria, chi ancheggiava, chi lo faceva saltare, chi lo usava da coperta, chi se lo passava sulle spalle, tutte con il sorriso in viso e nella piena spontaneità , eravamo felici, libere, divertite, un po bambine e un po donne ma totalmente rapite dalla danza che ci ha permesso di esprimerci in totale libertà.

Voglio ringraziare Dora per la bellissima esprienza. Sono felice di aver fatto pace con la danza e non vedo l’ora di iniziare un percorso tutte insieme per scoprirla a fondo.

 

La seconda presentazione sarà lunedì 10 novembre ore 20:30

grazie per l’attenzione

un abbraccio

Francesca

stages720

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *

© Associazione Noesis • Porto Mantovano, Mantova